Sabato 27 Maggio 2017

Commissioni tecniche

Le disposizioni della CRD3 in materia di politiche e prassi di remunerazione nelle banche e nelle imprese di investimento sono state attuate nel comparto bancario con le Disposizioni della Banca d’Italia del 30 marzo 2011 e nei confronti delle SIM con le modifiche al Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007, approvate dal provvedimento della Banca  d’Italia e della Consob del 25 luglio 2012.

 

L’Assoreti ha elaborato i Criteri in oggetto allo scopo di adattare alla remunerazione provvigionale dei promotori finanziari le misure ivi previste con riferimento alla sola remunerazione dei dipendenti e degli esponenti aziendali, caratterizzata dalla compresenza di una componente fissa e di una componente variabile, quest’ultima soltanto sottoposta a criteri correttivi di commisurazione al rischio.

I Criteri, condivisi nelle loro linee portanti dalle predette Autorità, riposano sulla distinzione fondamentale tra provvigioni “ricorrenti”, che rappresentano il corrispettivo naturale dell’attività dell’agente, e provvigioni “non ricorrenti”, aventi una funzione incentivante ulteriore per il fatto di essere condizionate al raggiungimento di specifici risultati commerciali di volta in volta previsti discrezionalmente dall’intermediario preponente, con l’intento di sottoporre ai meccanismi correttivi solo le seconde.

Testo completo

 

Accesso aree riservate